Marte

Via Lattea e Luminescenza Notturna

FB_IMG_1486106168663

Un’intensa luminescenza aerea notturna (airglow), immortalata lo scorso aprile dopo il tramonto in una notte dell’inverno cileno, arricchisce questo straordinario panorama celeste, già pieno di stelle, ammassi e nebulose, comprese le Nubi di Magellano, lungo le regioni meridionali della Via Lattea. Continua a leggere

Il metano che ha riscaldato il giovane Marte

burstsofmeth (1)

Numerose prove geologiche hanno dimostrato che un tempo la superficie di Marte era percorsa periodicamente da fiumi ed era presente acqua liquida, requisito indispensabile per lo sviluppo della vita come la conosciamo. Eppure tre o quattro miliardi di anni fa il Pianeta Rosso avrebbe dovuto essere troppo freddo per sostenere acqua liquida in superficie. Continua a leggere

Marte in Cile?

20161120_141839

Due ricercatori dell’Arizona State University hanno realizzato uno studio relativo a sorgenti calde presenti in Cile che potrebbe portare gli scienziati a considerare di rivisitare una regione di Marte esplorata diversi anni fa dal rover Spirit. La scoperta riguarda strutture simili a dita che si formano in depositi da processi che combinano attività biologica e non biologica. Continua a leggere

Meteoriti rivelano l’aridità su Marte

edu_what_is_mars

La mancanza di acqua liquida sulla superficie di Marte è stata dimostrata da nuove prove grazie all’analisi di meteoriti sul Pianeta Rosso realizzata da un team internazionale di scienziati. In uno studio guidato dall’University of Stirling un gruppo di ricercatori ha trovato assenza di ruggine su meteoriti, evidenziando che Marte è incredibilmente arido, ed è rimasto tale per milioni di anni. Continua a leggere

I successi di Curiosity

4-curiosityrov (2)

Il rover Curiosity è atterrato sulla superficie polverosa di Marte il 6 agosto 2012, poco più di 4 anni fa, e ha iniziato la sua missione rivolta in particolare a trovare evidenza del fatto che il pianeta rosso presentasse un tempo condizioni ambientali favorevoli alla vita. Lo scienziato planetario John Bridges, parte del team scientifico della missione, illustra i successi, i risultati ottenuti e gli impegni futuri. Continua a leggere

Occhi su Marte – in opposizione!

Solo ogni 26 mesi Marte si trova alla minima distanza dalla Terra e quindi nelle migliori condizioni osservative. Quest’anno succederà il 22 maggio! La sera prima, sabato 21 maggio, l’Accademia delle Stelle organizza un evento osservativo dalla propria sede per permettere a tutti di osservare il Pianeta Rosso al telescopio. Continua a leggere