ammasso globulare

Il Fiume Oscuro verso Antares

darkriver_jennings_960 (1)

Una nube fumosa chiamata Fiume Scuro (Dark River), che scorre dal bordo sinistro dell’immagine, collega la Nebulosa Pipa alla spettacolare regione colorata vicino alla stella brillante Antares. L’aspetto tenebroso del Fiume Scuro è dovuto alla presenza di polvere che blocca la luce stellare di fondo, sebbene la nube oscura contenga in gran parte idrogeno e gas molecolare. Continua a leggere

La Maestosa Galassia Sombrero

NASA/ESA Hubble Space Telescope has trained its razor-sharp eye on one of the universe's most stately and photogenic galaxies, the Sombrero galaxy, Messier 104 (M104). The galaxy's hallmark is a brilliant white, bulbous core encircled by the thick dust lanes comprising the spiral structure of the galaxy. As seen from Earth, the galaxy is tilted nearly edge-on. We view it from just six degrees north of its equatorial plane. This brilliant galaxy was named the Sombrero because of its resemblance to the broad rim and high-topped Mexican hat. At a relatively bright magnitude of +8, M104 is just beyond the limit of naked-eye visibility and is easily seen through small telescopes. The Sombrero lies at the southern edge of the rich Virgo cluster of galaxies and is one of the most massive objects in that group, equivalent to 800 billion suns. The galaxy is 50,000 light-years across and is located 28 million light-years from Earth.

 

Ecco una delle galassie più imponenti e fotogeniche dell’Universo: la galassia Sombrero, Messier 104 (M104). Segno distintivo della galassia è un nucleo bianco brillante a bulbo circondato da spesse strisce di polvere che percorrono la struttura a spirale. Osservata dalla Terra, la galassia è inclinata quasi di taglio ed è stata chiamata Sombrero per la sua somiglianza con l’ampio cappello messicano. Continua a leggere

Una nuova famiglia di stelle nel cuore della Via Lattea

via-lattea-2

Un team di astronomi della Liverpool John Moores University ha individuato una nuova famiglia di stelle nel centro della Via Lattea. La scoperta può fornire indizi importanti sulla formazione e sulle origini della nostra galassia. Continua a leggere

Una casa per stelle antiche

potw1550a-1

Lo splendente ammasso globulare Terzan 1, una casa per stelle antiche, è situato a circa 20.000 anni luce dalla Terra nella costellazione dello Scorpione. Si tratta di uno dei circa 150 ammassi globulari appartenenti alla nostra galassia.

Continua a leggere

La Giovinezza di NGC 362

 

  Globular clusters offer some of the most spectacular sights in the night sky. These ornate spheres contain hundreds of thousands of stars, and reside in the outskirts of galaxies. The Milky Way contains over 150 such clusters — and the one shown in this NASA/ESA Hubble Space Telescope image, named NGC 362, is one of the more unusual ones. As stars make their way through life they fuse elements together in their cores, creating heavier and heavier elements — known in astronomy as metals — in the process. When these stars die, they flood their surroundings with the material they have formed during their lifetimes, enriching the interstellar medium with metals. Stars that form later therefore contain higher proportions of metals than their older relatives. By studying the different elements present within individual stars in NGC 362, astronomers discovered that the cluster boasts a surprisingly high metal content, indicating that it is younger than expected. Although most globular clusters are much older than the majority of stars in their host galaxy, NGC 362 bucks the trend, with an age lying between 10 and 11 billion years old. For reference, the age of the Milky Way is estimated to be above 13 billion years. This image, in which you can view NGC 362’s individual stars, was taken by Hubble’s Advanced Camera for Surveys (ACS).

Gli ammassi globulari offrono una delle visioni più spettacolari nel cielo notturno. Queste sfere adorne di astri contengono centinaia di migliaia di stelle, e risiedono nelle periferie delle galassie. La Via Lattea ne contiene più di 150 e quello mostrato in questa nuova immagine del telescopio Hubble, chiamato NGC 362, è uno dei più inusuali. Continua a leggere

Un raro resto fossile di una Via Lattea primordiale

Peering through the thick dust clouds of the galactic bulge an international team of astronomers has revealed the unusual mix of stars in the stellar cluster known as Terzan 5. The new results indicate that Terzan 5 is in fact one of the bulge's primordial building blocks, most likely the relic of the very early days of the Milky Way. Observations were made with the Wide Field Camera 3 (WFC3) on board the Hubble, the Multi-conjugate Adaptive Optics Demonstrator (MAD) instrument on ESO's Very Large Telescope and the second generation Near Infrared Camera at the Keck Telescope.

 

Un team internazionale di astronomi ha scoperto un resto fossile di una primordiale Via Lattea, al cui interno si trovano stelle di età molto differenti. Questo sistema stellare, Terzan 5, a 19.000 anni luce di distanza dalla Terra, ricorda un ammasso globulare, ma è diverso dagli altri ammassi globulari conosciuti. Continua a leggere

Oggetti estremi: le pulsar millisecondo

fb_img_1476299249190

Quando una stella con una massa di circa 10 volte quella solare termina la sua vita esplode in supernova, lasciandosi dietro come residuo una stella di neutroni. Le stelle di neutroni sono oggetti estremamente densi: possono avere una massa di poco maggiore a quella solare, ma concentrata in un diametro di qualche decina di chilometri. Continua a leggere