ammasso globulare

Sua maestà M22

Ammasso globulare M22Il più grande e luminoso ammasso globulare visibile dall’Italia (se si eccettua Omega Centauri, avvistabile però solo fino alla latitudine di Roma), è una vera gemma dei cieli estivi: così brillante da essere visibile perfino ad occhio nudo se il cielo è sufficientemente buio.

Nonostante la distanza di 10.400 anni luce, in cielo appare grande come la Luna piena. Stipati all’interno dei suoi 95 anni luce di diametro splendono centomila soli, moltissimi dei quali si vedono chiaramente in questa foto, e al telescopio costituiscono una visione superba.

Questo colosso del cielo giace nella costellazione del Sagittario dove un semplice binocolo sarà sufficiente per individuarlo due gradi a nordest della stella Lambda (il coperchio della “Teiera”), immerso nelle nubi stellari della Via Lattea. Un telescopio amatoriale è in grado di risolverlo in stelle.

Gli ammassi globulari sono densi agglomerati stellari che orbitano attorno alle galassie. La nostra ne possiede un paio di centinaia, ma galassie più grandi, come M87, ne contano a migliaia. La loro origine resta abbastanza misteriosa; sono forse ciò che resta di galassie primordiali. L’ammasso M22 fu scoperto da un astrofilo tedesco, Abraham Ihle, mentre osservava Saturno nel 1665, quando il pianeta con gli anelli andava in opposizione nel Sagittario, esattamente come quest’anno!

La foto è stata realizzata da Paolo Colona con un Newton 200/1000 durante le Vacanze Astronomiche di Accademia delle Stelle: 

Nuova giovinezza per una pulsar in Andromeda

44EE383F-7B58-4B34-B0AB-72CCD59F016B-5750-0000041FA733AFF9

Uno studio recente relativo alla pulsar XB091D rivela proprietà straordinarie di questo oggetto raro ed estremo. Si ritiene che la stella di neutroni, situata in uno dei più antichi ammassi globulari della galassia di Andromeda, abbia catturato una compagna soltanto un milione di anni fa e da allora stia gradualmente riprendendo la sua rapida rotazione, recuperando vigore giovanile e risplendendo nei raggi X. Continua a leggere

Un buco nero di massa intermedia in 47 Tucanae

amiddleweigh (1)

Tutti i buchi neri conosciuti rientrano essenzialmente in due categorie: piccoli buchi neri di massa stellare, che corrisponde a poche masse solari e buchi neri supermassicci con massa di milioni o miliardi di Soli. Gli astronomi ritengono che esistano anche buchi neri di massa intermedia con massa tra 100 e 10.000 volte quella solare, ma finora non era stata trovata prova conclusiva della loro esistenza. Continua a leggere

Omega Centauri

OmegaCen_Colombari_960 (1)

L’enorme, scintillante insieme sferoidale di stelle immortalato in questa splendida immagine è più antico del nostro Sole. Molto prima che l’umanità si evolvesse, prima che i dinosauri vagassero per la Terra, e prima ancora persino che esistesse la nostra Terra, antichi ammassi di stelle orbitavano attorno ad una giovane Via Lattea. Continua a leggere

Il Fiume Oscuro verso Antares

darkriver_jennings_960 (1)

Una nube fumosa chiamata Fiume Scuro (Dark River), che scorre dal bordo sinistro dell’immagine, collega la Nebulosa Pipa alla spettacolare regione colorata vicino alla stella brillante Antares. L’aspetto tenebroso del Fiume Scuro è dovuto alla presenza di polvere che blocca la luce stellare di fondo, sebbene la nube oscura contenga in gran parte idrogeno e gas molecolare. Continua a leggere