Anelli di Nettuno

Nettuno al JWST

In this version of Webb’s Near-Infrared Camera (NIRCam) image of Neptune, the planet’s visible moons are labeled. Neptune has 14 known satellites, and seven of them are visible in this image. Triton, the bright spot of light in the upper left of this image, far outshines Neptune because the planet’s atmosphere is darkened by methane absorption wavelengths captured by Webb. Triton reflects an average of 70 percent of the sunlight that hits it. Triton, which orbits Neptune in a backward orbit, is suspected to have originally been a Kuiper belt object that was gravitationally captured by Neptune.

In this version of Webb’s Near-Infrared Camera (NIRCam) image of Neptune, the planet’s visible moons are labeled. Neptune has 14 known satellites, and seven of them are visible in this image. Triton, the bright spot of light in the upper left of this image, far outshines Neptune because the planet’s atmosphere is darkened by methane absorption wavelengths captured by Webb. Triton reflects an average of 70 percent of the sunlight that hits it. Triton, which orbits Neptune in a backward orbit, is suspected to have originally been a Kuiper belt object that was gravitationally captured by Neptune.

Lascia senza parole la visione che il telescopio spaziale James Webb ci dà del lontanissimo pianeta Nettuno con i suoi sensazionali anelli e lune.

Nonostante la sua straordinaria tecnologia, la sonda Voyager 2 nel 1989 non era riuscita in un’impresa simile: il suo flyby riuscì a testimoniare, per la prima volta, l’esistenza del suo sistema di 5 anelli principali, ma è occorso oltre un trentennio di ulteriore impegno tecnologico e collaborazione della NASA/ESA/CSA per riuscire a farci ammirare i suoi anelli più stretti e luminosi e le bande molto deboli di polveri.
È difficile osservare Il Gigante Ghiacciato perché dista dal Sole 30 volte più della Terra: situato ad una distanza tanto estrema, riesce ad essere raggiunto solo da una debole quantità di luce solare.

>Nell’immagine che osserviamo, il telescopio spaziale James Webb riesce a mostrarci molto chiaramente alcune bande luminose che circondando il Pianeta, che indicano la circolazione atmosferica globale che alimenta i venti e le tempeste del Pianeta.

Nella stessa immagine, possiamo distinguere 7 delle sue 14 lune conosciute: Tritone, Galatea, Naiad, Thalassa, Larissa, Proteus e Despina.

In this version of Webb’s Near-Infrared Camera (NIRCam) image of Neptune, the planet’s visible moons are labeled. Neptune has 14 known satellites, and seven of them are visible in this image. Triton, the bright spot of light in the upper left of this image, far outshines Neptune because the planet’s atmosphere is darkened by methane absorption wavelengths captured by Webb. Triton reflects an average of 70 percent of the sunlight that hits it. Triton, which orbits Neptune in a backward orbit, is suspected to have originally been a Kuiper belt object that was gravitationally captured by Neptune.

In this version of Webb’s Near-Infrared Camera (NIRCam) image of Neptune, the planet’s visible moons are labeled. Neptune has 14 known satellites, and seven of them are visible in this image. Triton, the bright spot of light in the upper left of this image, far outshines Neptune because the planet’s atmosphere is darkened by methane absorption wavelengths captured by Webb. Triton reflects an average of 70 percent of the sunlight that hits it. Triton, which orbits Neptune in a backward orbit, is suspected to have originally been a Kuiper belt object that was gravitationally captured by Neptune.

È proprio la prima, Tritone, a rischiare di essere quasi scambiata per una stella a causa della riflessione della luce proveniente dal Sole. Questa luna, infatti, è coperta da una patina ghiacciata di azoto, la quale riflette circa il 70% dei raggi che riceve, quasi il doppio della nostra Terra.

Il dato più significativo ed interessante di Tritone, oltre alla sua luminosità, sta nella sua orbita retrograda (ovvero un’orbita che ruota attorno a Nettuno in senso opposto rispetto al verso di rotazione del pianeta su se stesso), il che ha portato gli scienziati ad ipotizzare che Tritone fosse in origine un oggetto della lontanissima Fascia di Kuiper successivamente catturato dalla gravità di Nettuno.

Per effetto della sua rotazione retrograda, la sua orbita sia in decadimento: è stato stimato che entro 4 miliardi di anni Tritone colliderà con Nettuno o si disintegrerà a causa delle forze mareali, dando origine ad un nuovo anello attorno al Gigante Ghiacciato.

[ Veronica Malengo ]

Il post su Facebook